IPO - Increasing People Opportunities | Le storie che aiutano
1214
post-template-default,single,single-post,postid-1214,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive
 

Le storie che aiutano

Le storie che aiutano

Non c’è popolo che non abbia un patrimonio di fiabe, favole, e leggende da raccontare ai cuccioli del proprio gruppo. Del resto ognuno di noi è una storia, ognuno di noi per descriversi si racconta, ognuno di noi ha nella narrazione lo strumento d’elezione per crescere e vivere.

Tutti i bambini del mondo amano le storie e, quando non le ascoltano, qualcosa di grave è accaduto: occorre allora diventare narratori e affabulatori per ricreare il cerchio magico del racconto. Le strutture d’accoglienza per bambini di strada sono luoghi deputati a raccogliere bambini che hanno perso tutto e prima di tutto la voce narrante, mediatrice del mondo, del gruppo parentale. Restituire loro il fascino della narrazione è un importante atto di cura di cui ogni adulto di buona volontà può farsi carico. I libri si fanno quindi strumenti “terapeutici” e dunque non può mancare una biblioteca con proposte di titoli che superino le barriere linguistiche attraverso l’immagine. Così abbiamo cominciato una raccolta di volumi che vada a costituire il primo nucleo della biblioteca della struttura di accoglienza di Awassa. Già diverse Case Editrici ci hanno inviato libri straordinari dove le storie sono prevalentemente per immagini come è nella tradizione di Orecchio acerbo, Carthusia e Zoolibri. All’iniziativa hanno contribuito anche Donzetti Editore, Fatatrac e Castoro.